PICCORAGI TOUR

PICCORAGI TOUR 2001

PICCORAGI TOUR 2002

PICCORAGI TOUR 2003

PICCORAGI TOUR 2004

PICCORAGI TOUR 2005

PICCORAGI TOUR 2007

PICCORAGI TOUR 2008

PICCORAGI TOUR 2009

PICCORAGI TOUR

Alla prima rappresentazione francese dello spettacolo “Barouffe à Chioggia” durante il festival “VivaCité” di La Réole nel luglio del 2000 ha fatto seguito nel 2002 una tournée nel bordolese (Marmande, Léognan/Bordeaux e Agen) che ha avuto il sostegno delle maggiori Istituzioni in rappresentanza degli emigranti italiani (Consolato d’Italia a Bordeaux, Comitati Società Dante Alighieri, Associazione degli Italiani d’Aquitania) oltre a varie Associazioni impegnate in gemellaggi e scambi culturali internazionali. Il consenso da parte del pubblico e della critica sono stati ovunque unanimi.

Nel 2001 lo spettacolo è stato presentato per la prima volta e con uguale successo in Italia, durante la tappa sacilese del gemellaggio tra le due città. La successiva tournée italiana dell’estate 2003 ha registrato in totale più di 1.600 spettatori, toccando alcuni centri gemellati con città francesi (Portogruaro/Marmande e la stessa Sacile) e altri in cui è stato possible ricreare l’ambientazione “originale” del testo goldoniano (Muggia e la stessa Chioggia, un progetto al quale la sede regionale RAI del Veneto ha dedicato un ampio redazionale).

Ancora nel 2004 i Piccoragi hanno partecipato al Festival internazionale “Ave Ninchi” di Trieste, dove la critica ha sottolineato in particolare il ritmo, l’affiatamento e l’estrema accuratezza dell’allestimento e della regia, capaci di creare grande divertimento sia sul palco che in platea.

Nel 2005 lo spettacolo è tornato in Francia, questa volta ospite delle “Giornate italiane” di Wittenheim-Mulhouse in Alsazia.

Nel 2007 la tournée ha privilegiato invece l'Italia, inserendosi nelle celebrazioni per l'anno goldoniano (trecentesimo anniversario della nascita del grande drammaturgo 1707-2007). In questo caso, oltre al teatro i Piccoragi si sono cimentati anche con il grande schermo, partecipando alla produzione di un film dedicato alla vita di Carlo Goldoni, per la regia di Alessandro Bettero. La docu-fiction, girata in tecnologia HD e destinata al mercato audiovisivo (televisione, canali satellitari, ecc.) di alta qualità, vanta la collaborazione di molti tra i maggiori "testimonial" del teatro italiano (Ferruccio Soleri, Luca De Fusco, Maurizio Scaparro, Eros Pagni...) ed è stata presentata nell'ambito della 64ma Mostra del Cinema di Venezia.

Il 2008, complice il rilancio del gemellaggio tra Sacile e La Réole, ha visto il ritorno delle “Barouffe” proprio nella cittadina francese che vide il loro debutto: emozione palpabile e pubblico delle grandi occasioni per un’altra prova ricca di ricordi e di nuove prospettive, propiziate nel 2009 dalla selezione al Festival internazionale di Teatro Amatoriale di Namur, in Belgio, dove i Piccoragi sono stati chiamati ad inaugurare la kermesse che, ogni due anni, porta in Vallonia il meglio del teatro non professionistico a livello mondiale. Una nuova sfida, lanciata e vinta con grandissimo successo e con l’entusiasmo di sempre, mentre il prossimo appuntamento potrebbe già attendere i Piccoragi oltreoceano…

Per leggere tutte le news dei Piccoragi, clicca qui.

TOURNÉE 2001

Nel 2001 la tappa italiana dell'intesa siglata l'anno precedente in Francia tra le due municipalità ha portato a Sacile alla fine del mese di luglio una nutrita rappresentanza di reolesi, in molta parte discendenti di nostri connazionali e "compaesani" immigrati nel bordolese dopo la Prima Guerra Mondiale. Tra loro anche la Compagnia teatrale de "I Coragi" con i quali il "Piccolo Teatro" aveva creato nel 2000 una (nuova ed assolutamente inedita) versione bilingue de "Le baruffe chiozzotte" che fu rappresentata a la Réole durante il gemellaggio in terra francese.
Ormai le due Compagnie si sono fuse in un solo, unico gruppo, i "Piccoragi", in onore del quale (oltre all'ospitalità per 10 giorni di tutto il gruppo, per un totale di ca. 40 persone) la nostra Associazione ha realizzato una serie di iniziative:
- il riallestimento della commedia bilingue, che è stata rappresentata a Polcenigo (PN) con grande successo di pubblico e critica;
- la realizzazione di una mostra fotografica con una scelta dei migliori scatti relativi al nostro soggiorno francese e alla nascita di questa collaborazione tra i due gruppi;
- collegata alla mostra, la pubblicazione (riservata ai Soci) di un libro-ricordo con le testimonianze dei protagonisti del gemellaggio 2000, le recensioni dello spettacolo in Francia e in Italia, le foto dei "Piccoragi", tutto in versione bilingue;
- la partecipazione allo spettacolo allestito al Teatro Zancanaro insieme a tutti i gruppi teatrali e musicali delle due città.

TOURNÉE 2002

La collaborazione con la Francia e con la Compagnia reolese de "I Coragi" (iniziata nel 2000 a La Réole e proseguita nel 2001 a Sacile) ha avuto una nuova tappa nel mese di maggio 2002. Su richiesta infatti dei Comitati per i gemellaggi franco-italiani delle città ospiti, oltre all'Associazione degli Italiani d'Aquitania, il gruppo dei "Piccoragi" è stato invitato a rappresentare la versione bilingue de "Le baruffe chiozzotte" ovvero "BAROUFFE A CHIOGGIA" in alcune località della regione francese dove particolarmente vivo è ancor il legame con l'Italia, terra d'origine di buona parte della popolazione, emigrata a partire dal periodo seguito alla Prima Guerra Mondiale, che aveva spopolato le campagne e i vigneti del bordolese.

Il calendario della tournée è stato così strutturato:

sabato 27 aprile: partenza gruppo "Piccolo Teatro"
domenica 28 aprile: martedì 30 aprile: prove e riallestimento spettacolo
mercoledì 1 maggio: allestimento commedia a MARMANDE
Ospite: Comitato gemellaggio Marmande-Portogruaro (VE)
giovedì 2 maggio: allestimento commedia a LEOGNAN (Bordeaux)
Ospite: Comitato gemellaggio Saint-Médard en Jalles-Sabaudia (LT) e Association de Jumelage de Léognan Terra di Scambio
venerdì 3 maggio: allestimento commedia a PONT-DU-CASSE (Agen)
Ospite: Comitato gemellaggio Pont du Casse-Talla (AR)
sabato 4 maggio: partenza per l'Italia

"A Marmande abbiamo incontrato tanti sacilesi da molti anni residenti in Francia, ma ancora legati alla loro città d'origine: con loro abbiamo condiviso il suono del nostro dialetto, le amicizie comuni, le canzoni della nostra tradizione. A Léognan, alle porte di Bordeaux, ci attendeva il pubblico più intellettuale degli italiani residenti nella terza città di Francia e dei francesi innamorati della cultura italiana (che conoscono e frequentano anche grazie alla "Società Dante Alighieri", presente con molti dei suoi rappresentanti), oltre alla vice-console d'Italia a Bordeaux. Infine a Pont du Casse (Agen) il Comitato di gemellaggio più variegato che si possa immaginare, fatto di veneti, triestini ed istriani, napoletani, toscani... una vera festa dai colori italiani!"

TOURNÉE 2003

Anche per l'estate 2003 il Piccolo Teatro Città di Sacile ha dato appuntamento al suo pubblico sui principali palcoscenici all'aperto tra Veneto e Friuli, ma questa volta con una novità in più: dal 25 luglio al 3 agosto è stato infatti impegnato in una tournée insieme alla compagnia francese de I Coragi della città gemellata di La Réole. Protagonista sempre il teatro di Goldoni e lo spettacolo esilarante de "Le baruffe chiozzotte" nell'originale allestimento bilingue ideato dai due gruppi in occasione del gemellaggio francese del 2000.
Dopo l'esperienza del 2002 in Francia, quando per una settimana i due gruppi hanno recitato in giro per l'Aquitania ospiti delle Associazioni di emigranti italiani e delle città gemellate con il nostro paese, tocca adesso al Piccolo Teatro ricambiare l'ospitalità, con una tournée in quattro tappe una delle quali proprio a Chioggia, di fronte al pubblico "vero" dei pescatori e ospiti della Compagnia del Piccolo Teatro Città di Chioggia, che rappresenta questo testo con successo da più di 50 anni in tutto il mondo.
Il Presidente della Compagnia sacilese, Chiara Mutton, parla di "una vera e propria sfida, una serata molto intensa, che ha fatto da preludio ad un nuovo progetto di scambio, sempre sostenuto dal consolato italiano di Bordeaux."

Ecco riassunto il calendario di questa particolarissima tournée, che ha avuto inizio dal Veneto: il 29 luglio i "Piccoragi" sono salito sul palco della Villa Comunale di Portogruaro, città a sua volta gemellata con Marmande, su invito dell'Assessorato alla Cultura del Comune e dei Comitati italiano e francese di questo gemellaggio; il 30 luglio a Chioggia, all'isola di S. Domenico, per un'ambientazione dello spettacolo "dal vero", senza scenografia, ma nella cornice vera della città, delle barche e dei canali.
Quindi si sono spostati nella nostra regione a partire proprio da Sacile, dove il 31 luglio le "Baruffe" hanno letteralmente riempito di pubblico la piazza del duomo per una serata in collaborazione con l'Assessorato alla Cultura della nostra Amministrazione. Quindi gran finale a Muggia sabato 2 agosto, dove la Compagnia franco-italiana ha recitato nella magica cornice di piazza Marconi, tra le case "veneziane" e il mare, grazie all'invito del Comune di Muggia e alla collaborazione degli amici de L'Armonia, l'Associazione delle Compagnia dialettali triestine.

La tournée è stata un vero successo, sia in termini di pubblico (più di 1.600 spettatori) sia a livello di contatti e incontri tra le Istituzioni locali (soprattutto le Amministrazioni del Comuni interessati) e le Associazioni culturali e teatrali che hanno offerto la loro collaborazione organizzativa e logistica.
Grazie al sostegno delle maggiori istituzioni regionali, tutte le serate sono state proposte ad ingresso libero.
Ecco una lista degli Enti coinvolti nel progetto:
ArteVen - Circuito Teatrale Regionale del Veneto Comune di Portogruaro - Assessorato alla Cultura Comitati italiano e francese gemellaggio Portogruaro-Marmande Comune di Chioggia - Assessorato alla Cultura Piccolo Teatro Città di Chioggia Comune di Sacile - Assessorato alla Cultura Parrocchia del duomo di Sacile Comune di Muggia - Assessorato alla Cultura L’Armonia - Associazione tra le Compagnie dialettali triestine

Da questo tour è nata anche la proposta di un gemellaggio franco-italiano tra la città de La Rochelle e il territorio del golfo di Trieste (attraverso il Comune di Muggia) e quella di un futuro scambio con la Compagnia del Piccolo Teatro Città di Chioggia per un breve tour in Francia in accordo con il consolato italiano di Bordeaux, che da anni segue con interesse le iniziative dei “Piccoragi”. Anche la stampa e i media hanno dato largo spazio all’iniziativa, incuriositi anche dalla novità della proposta, soprattutto perché promossa e realizzata da Compagnie di non professionisti. Tra gli altri, la sede regionale RAI del Veneto ha realizzato e mandato in onda durante il TG3 regionale un lusinghiero servizio con scene riprese durante lo spettacolo di Chioggia, che proponeva le “Baruffe” nella loro reale ambientazione.

TOURNÉE 2004

Nuova tappa sul Livenza della Compagnia francese de "I Coragi" di La Réole
il 29 dicembre hanno concluso il FESTIVAL teatrale “AVE NINCHI” di Trieste
Sono arrivati in sordina, il giorno di S. Stefano, ma, oltre alla pioggia, hanno trovato ad attenderli il calore degli amici del “Piccolo Teatro”: sono i componenti della Compagnia teatrale de “I Coragi” La Réole, “gemelli” del gruppo sacilese, con i quali la collaborazione e l’amicizia continua fin dal gemellaggio che ha unito le due città nel 2000.
La loro è stata una breve vacanza sulle rive del Livenza, propiziata da un “invito a teatro” da parte dell’Associazione triestina de “L’Armonia”, che ogni anno organizza in dicembre il Festival internazionale “Ave Ninchi” dedicato ai dialetti del Triveneto e dell’Istria. Ebbene, quest’anno gli ospiti d’onore del cartellone sono state proprio le due compagnie con la loro versione franco-italiana de “Le baruffe chiozzotte” di Goldoni, già rappresentate con grande successo sia in Francia che in Italia fin dal 2001 e continuamente richieste soprattutto dai Comitati di gemellaggio italo-francesi, dalle Associazioni degli emigrati italiani (primi fra tutti, i Fogolârs furlans) e da festival e rassegne internazionali.

I Piccoragi hanno calcato il palcoscenico del Teatro Miela di Trieste mercoledì 29 dicembre per la serata conclusiva del Festival “Ave Ninchi”, in invito molto prestigioso ed importante, in una città che ama particolarmente il teatro e da sempre aperta alle proposte di co-produzione e collaborazione culturale. Inoltre questa richiesta giunta da parte de “L’Armonia” ha propiziato un nuovo incontro tra i due gruppi, che si erano ritrovati l’ultima volta nella bellissima tournée estiva del 2003, che aveva toccato Chioggia, Portogruaro, Muggia e anche Sacile.
Il gruppo franco-italiano ha però in serbo un altro ambizioso progetto per il 2005: sono stati invitati infatti come ospiti d’onore al festival italiano che si terrà a Mulhouse in Alsazia alla fine di settembre: anche in quella zona della Francia, infatti, è molto numerosa la comunità degli italiani, tanto da meritare una particolare attenzione da parte delle istituzioni locali, che spesso, grazie anche alla collaborazione delle loro Associazioni, organizzano eventi ed incontri di scambio ed approfondimento della cultura e delle tradizioni italiane. Hanno sentito parlare di questa co-produzione dal comitato nazionale francese dei Fogolârs furlans e di qui l’invito ufficiale del Comune: questa visita in Italia è servita quindi anche a verificare la fattibilità del progetto e a programmare la nuova tournée.
La Compagnia francese si è trattenuta a Sacile fino a venerdì 31 dicembre: un occasione anche per visitare il Mercatino e le mostre allestite in occasione delle festività natalizie sulle rive del Livenza.

TOURNÉE 2005

La tournée 2005 dei Piccoragi ha avuto come meta la cittadina di Wittenheim, in Alsazia, dove gli attori e i tecnici del Piccolo Teatro Città di Sacile e della compagnia “gemella” de I Coragi di La Réole, sono stati gli ospiti d’onore della grande festa italiana, tradizionalmente organizzata in questa cittadina francese non distante dal confine con la Germania e a soli 100 km da Strasburgo. Sabato 24 settembre hanno dato vita infatti ad una nuova rappresentazione de “Le baruffe chiozzotte” di Goldoni, nella versione bilingue creata dai due gruppi e portata con successo al di qua e al di là delle Alpi fin dal 2000. L’occasione di questa riunione è stata la IV edizione delle “Giornate italiane”, organizzate dal Municipio in collaborazione con il Consolato italiano e diverse Associazioni culturali e di emigranti, che mantengono vivo il legame con la terra, la lingua e le tradizioni della terra d’origine. Wittenheim, che fa parte del comprensorio intercomunale di Mulhouse, si trova infatti in un’area industriale che nei decenni passati vide molti nostri connazionali stabilirsi in cerca di lavoro e fortuna. Oggi la città, che vanta un centro storico molto interessante e diversi esempi di archeologia industriale nei vecchi stabilimenti e nelle aree un tempo abitate dai minatori o dai lavoratori dell’industria tessile, si presenta come un centro dalla vivace vita culturale e sociale e in questo contesto si colloca anche questa particolare iniziativa di scambio culturale.
Il programma delle due Compagnie è stato molto intenso, ma anche atteso e vissuto con grande entusiasmo: il loro arrivo giovedì 23 settembre è stato infatti preceduto in Francia da un ampio servizio radiotelevisivo che ha illustrato il progetto comune e la storia dei ‘Piccoragi’; venerdì 24 i Piccoragi sono stati impegnati in un pomeriggio di prove aperte davanti agli studenti del locale Liceo, una richiesta che è arrivata direttamente dal Municipio e che ha permesso ai ragazzi di vedere come nasce uno spettacolo. Sabato in giornata le ultime rifiniture e quindi la rappresentazione in serata. La domenica infine il rientro per tutti, dopo aver partecipato ad un grande pranzo in Compagnia delle Associazioni italiane (tra cui una sezione dell’A.N.A. Ass. Nazionale Alpini e la Società Dante Alighieri) e dei nostri connazionali, molti dei quali originari proprio della zona tra Veneto e Friuli.
Nonostante si tratti di due Compagnie di non professionisti, la passione per il teatro e la volontà di recitare insieme sono riuscite qiundi ancora una volta a far rispettare l'impegno a ritrovarsi, almeno una volta l’anno, su qualche palcoscenico. Particolarmente gradito è giunto poi questo invito, venuto da una Regione della Francia che ha sentito parlare di questo spettacolo bilingue grazie ai contatti con altre città ed Associazioni che hanno già ospitato le due Compagnie e specialmente attraverso i Fogolârs Furlans, anche qui molto presenti ed attivi sul territorio.

TOURNÉE 2007

Piccoragi Tour 2007 PN-GO
Grande successo per il nuovo tour italiano del Piccoragi, consumato fra cinema e teatro, con un’attenzione particolare anche al mondo della scuola. A coronamento dell’incontro, realizzato per le celebrazioni dell'anno goldoniano, arriva anche il premio speciale della Giuria assegnato alle “Barouffe” dal Festival internazionale “Castello di Gorizia”. Un riconoscimento prestigioso e partecipato, che, sottolineando il notevole lavoro di regia e drammaturgia dello spettacolo, premia una scelta coraggiosa e riuscita nell’evidenziare “le straordinarie potenzialità del Teatro come valido strumento di relazione interculturale”.

TOURNÉE 2008

Piccoragi TOUR 2008 La Reole
Il 2008 ha segnato il ritorno delle “Barouffe” là dove tutto ebbe inizio, nel luglio del 2000. La città di La Réole ha accolto di nuovo i Piccoragi in occasione di un nuovo incontro tra le città gemellate, grazie al rilancio dei rapporti tra la cittadina francese sulle rive della Garonna e Sacile, propiziato in particolare proprio dalla vitalità del progetto teatrale franco-italiano. Grande emozione e doppia replica andata subito esaurita, per un altro souvenir da incorniciare.

TOURNÉE 2009

Piccoragi Tour 2009 Namur
Il 2009 è stato l’anno della trasferta dei Piccoragi in un altro paese europeo: complice il Festival Internazionale di Teatro Amatoriale di Namur, le “Barouffe à Chioggia” approdano in Belgio, invitate ad inaugurare ufficialmente questo appuntamento che, ogni due anni, riunisce nella città della Vallonia il meglio del teatro non professionistico a livello mondiale. Undici spettacoli selezionati (su una trentina di richieste, giunte da tutti i Continenti) ed una grande attesa per la serata franco-italiana, alimentata dalla stampa e dal pubblico, presenti anche molti spettatori di origine italiana. Lunghissimi applausi ed una vera standing ovation hanno salutato una performance davvero impeccabile, per una serata di grande festa, definita da tutti – troupe, organizzatori, pubblico e critica - davvero unica ed indimenticabile.

© 2017 Piccolo Teatro Città di Sacile