LA MEMORIA DELLA SHOAH E IL RICORDO DEGLI ESULI ISTRIANI

Successo a Sacile per le giornate di commemorazione organizzate dal Piccolo Teatro e dall’Amministrazione comunale.


Le giornate della memoria

Commozione, ricordo e partecipazione hanno segnato a Sacile i due anniversari commemorativi della nostra storia più recente che il Piccolo Teatro Città di Sacile e l’Amministrazione comunale hanno voluto celebrare con due appuntamenti molto apprezzati e sentiti. La Memoria della Shoah è stata sottolineata lo scorso 27 gennaio dalle letture in piazza, sotto la Loggia del Municipio, dove gli attori della Compagnia sacilese hanno dato voce agli “scottati”, ovvero i sopravvissuti all’Olocausto, attraverso i racconti raccolti nel volume “Fratture” della scrittrice polacca, oggi israeliana, Irit Amiel. Una manifestazione organizzata e sincronizzata a livello nazionale, per il coordinamento della Compagnia dell’Attimo di Rovereto, che ha riunito idealmente 35 città italiane in piazza, tutte alla stessa ora, ad ascoltare e condividere le medesime storie per non dimenticare.

La Memoria della Shoah e il Ricordo degli esuli istriani hanno commosso il pubblico e gli studenti.


Elsa Fonda - La cresta sulla zampa

Successo anche per la proposta legata al Giorno del Ricordo, che ha visto ospite a Sacile l’artista istriana Elsa Fonda, già legata alla città e al Piccolo Teatro da diversi anni di collaborazione come docente, attrice e studiosa della lingua italiana. Sabato 12 febbraio di fronte alla gremita platea del teatro Zancanaro ha presentato, commentato ed interpretato, insieme al giornalista Gianpaolo Carbonetto, il suo primo romanzo autobiografico dal titolo “La cresta sulla zampa”, storia della sua giovinezza nella città natale di Pirano, immersa nei più grandi e tragici eventi della Seconda Guerra Mondiale, del sofferto Dopoguerra ed infine dell’esodo in terra giuliana. Ricordi, parole di dolore ma anche di speranza, per una vita che è stata costruita faticosamente ma con successo, da Trieste a Roma come storica voce della Rai, soprattutto alla radio. Tra il pubblico, numerosi ed attenti gli studenti delle ultime classi degli Istituti Superiori cittadini, accompagnati dai loro insegnanti. Commozione palpabile ma anche grande interesse e partecipazione per storie che arrivano dritte al cuore, perché, come ricordato dallo stesso Carbonetto e dall’Assessore alla Cultura Carlo Spagnol, il dolore è dolore di tutti, specie dei più deboli ed indifesi ed ognuno ha il dovere di ricordare e di vigilare affinché queste tragedie non accadano mai più.

Per i lettori più attenti, il Piccolo Teatro segnala che i due volumi presentati in queste occasioni pubbliche sono presenti in prestito presso la Biblioteca Civica “Romano Della Valentina” di Sacile (tel. 0434 734822 – mail: biblioteca@bibliotecasacile.191.it) oppure acquistabili in libreria attraverso i normali canali di distribuzione editoriale.

Per maggiori informazioni:
Fratture, di Irit Amiel, ed. Keller:
http://www.kellereditore.it/index.php?option=com_content&task=view&id=304&Itemid=2

La cresta sulla zampa, di Elsa Fonda, Ibiskos Editrice Risolo:
http://www.ibiskoseditricerisolo.it/catalogo_scheda.php?id=767
© 2018 Piccolo Teatro Città di Sacile