DAL REPERTORIO VENETO ALLA GRANDE GUERRA: “SCENARIO” PROSEGUE FRA TEATRO, INCONTRI ED EVENTI ESPOSITIVI

644_Mardegan_matodeguera4

Download

Pieghevole marzo 2015 (PDF 538 Kb)
Locandina marzo 2015 (PDF 286 Kb)
Locandina mostra Grande Guerra (PDF 1,4 Mb)

Prosegue con successo il cartellone di “Scenario”, che con l’ultima data in programma al Teatro Ruffo passa il testimone dalla tradizione del teatro popolare veneto alle storie della Grande Guerra, che proprio dal testo di un autore veneto daranno il via a uno speciale programma legato agli Anniversari del primo conflitto mondiale, durante il prossimo mese di marzo.
Sabato 28 febbraio sarà infatti il Satiro Teatro, nell’interpretazione di Gigi Mardegan, a mettere in scena “MATO DE GUERA”, un intenso testo di Gian Domenico Mazzocato, editorialista, drammaturgo, scrittore e studioso di storia antica e moderna, con focus sulle terre venete. Forte e toccante la voce data ai sopravvissuti alle trincee, le cui molte storie (vere) hanno ispirato all’autore la figura de protagonista, un povero fante che nel ‘15-18 ha vinto la guerra e ha perso tutto il resto: la famiglia, gli amici, l’onore e il suo stesso essere, incapace di tornare alla vita e alla verità dei ricordi più dolorosi. Questo appuntamento, che sarà rappresentato nella stessa giornata anche in matinée riservata agli studenti delle Scuole Superiori, segnerà per il Piccolo Teatro l’avvio di una serie di eventi collegati al Centenario del conflitto, che porterà a Sacile dal 21 al 29 marzo, in anteprima regionale, una mostra storico-illustrativa dal titolo “IL CORRIERE DEI PICCOLI RACCONTA LA GRANDE GUERRA”. Allestita a Palazzo Ragazzoni dall’Associazione Sintesi&Cultura di Vittorio Veneto, l’esposizione sarà completata da laboratori, conferenze, visite guidate e percorsi didattici sul tema della propaganda bellica attraverso le strisce vignettate, utilizzate per la prima volta in Italia sia sulle pagine del Corrierino per l’infanzia sia nei giornali di trincea per i soldati al fronte.
© 2018 Piccolo Teatro Città di Sacile