La storia

Il Piccolo Teatro Città di Sacile nasce ufficialmente nel 1969, raccogliendo la lunga e vivace tradizione teatrale della locale “Filodrammatica” (documentata almeno dal 1922).
Le scelte artistiche della Compagnia hanno spaziato dagli autori meno noti ai grandi classici di Pirandello (Lazzaro, Tutto per bene, L’uomo dal fiore in bocca - La patente - La morsa), D’Annunzio (La fiaccola sotto il moggio), Molière (Tartufo). Oltre alla produzione contemporanea sia brillante che drammatica (M.Achard, N.Coward, Piccola Città di T.N.Wilder, La bottega dell’orefice di K.Wojtyla), numerosi sono stati anche gli allestimenti di testi tratti dal repertorio dialettale veneto: Gallina (La famegia del santolo, Zente refada, Le barufe in famegia), Rocca (Sior Tita paron, Se no i xe mati, no li volemo), Testoni (Il nostro prossimo, I balconi sul canalazzo), Paoletti, Fraccaroli gli autori più rappresentati, oltre naturalmente a Goldoni con I Rusteghi, I chiassetti del Carneval e Le baruffe chiozzotte, di cui un’inedita versione bilingue (italiano/francese) dal titolo Barouffe à Chioggia - creata nel 2000 insieme alla Compagnia teatrale de “I Coragi” di La Réole - è stata rappresentata in diverse tournées in Italia (2001, 2003, 2004, 2007), in Francia nella regione di Bordeaux (2000, 2002, 2008) e in Alsazia (2005), in Belgio, selezionata per il Festival International de Théâtre d'Amateurs di Namur (2009) e in Istria (Slovenia e Croazia).

zoomzoomzoom
zoomzoom zoom
zoomzoom zoom

I premi

Numerosi anche i riconoscimenti ottenuti dalla Compagnia durante la sua ormai quarantennale attività, di cui ricordiamo soltanto i più recenti: premio per la “migliore regia e allestimento” al regista Flavio Rover nella Rassegna “Teatro in Corte” di Sandrigo (VI) con la commedia dialettale Santa Rosa - La bela combatuta di E.Paoletti (1999), premio come “migliore attrice protagonista” nella stessa Rassegna (ed. 2002) per Federica Sacchetti -“Colomba” nella commedia Tramassi per maridar ‘na puta di N. Bacigalupo, commedia che ha conquistato nel 2005 il primo premio assoluto nel Concorso regionale Mario Fain-Lucio Valdemarin di Romans d’Isonzo (GO). Segnaliamo poi la partecipazione alla fase finale del Concorso Nazionale “Schiofestivaldagno - Teatrale del Veneto” (ed. 2000), dove Le baruffe chiozzotte hanno raggiunto il 2° posto assoluto nella classifica decretata dal gradimento del pubblico, oltre ai riconoscimenti per la “migliore attrice giovane” (Chiara Mutton nella parte di “Checca”) e il “migliore attore caratterista” (Gino Santacatterina nelle vesti di “paron Fortunato”). Lo scatenato vaudeville Le sorprese del divorzio, allestito nel 2004 da un adattamento del testo francese di A.Bisson e A.Mars, ha segnato la partecipazione alla Rassegna nazionale “A porte aperte” di Vecchiano (Pisa), e quindi conquistato la “Maschera d’Argento” di Godega di S.Urbano (TV) e il primo premio assoluto all’edizione 2005 del festival “Teatro in Corte”, dove Flavio Rover, anche regista della pièce, è stato proclamato “miglior attore” nei panni del protagonista “Enrico Duval”. Anche le Barouffe à Chioggia non hanno mancato di raccogliere prestigiosi consensi di pubblico e critica, tra i quali citiamo il 2° posto e il premio speciale della giuria al Festival teatrale internazionale “Castello di Gorizia” (2007).


Le altre attività

Oltre all’attività di produzione, il “Piccolo Teatro” si è reso promotore (dal 1998) di una Rassegna teatrale dal titolo Scenario, che si tiene a Sacile in autunno e che dal 2002 si è arricchita anche di una sezione dedicata al teatro per ragazzi (Scenario Junior). Questo appuntamento porta in scena le novità e i migliori allestimenti del Triveneto (e non solo), rivolgendosi spesso anche al “teatro delle lingue”, cioè a spettacoli che utilizzano non solo i dialetti e le parlate locali, ma che introducono nel teatro anche altri “linguaggi” artistici, come la musica, la poesia e la danza. Uno spazio che offre anche alla Compagnia l’occasione per originali allestimenti, creati spesso in collaborazione con altre Associazioni locali e regionali.
Dal 2004 la Rassegna si propone anche in veste estiva con il cartellone di Scenario d’Estate, iniziato al Parco di Villa Varda di Brugnera (PN) (Scenario in Villa), e quindi esteso – dal 2006 – all’interno del centro storico di Sacile e talora in altre località dell’area liventina. Qui trovano posto solitamente spettacoli di carattere classico e brillante, adatti ad un pubblico misto di adulti e ragazzi, che a volte utilizzano anche le location naturali di parchi e giardini per dare vita ad allestimenti particolari e suggestivi.
Dal 2003 inoltre l’Associazione ha dato vita ad un progetto di approfondimento e cultura teatrale dal titolo Strumento Voce, che affianca a corsi di perfezionamento (dizione, impostazione ed uso della voce, interpretazione, ecc.) spettacoli ed appuntamenti di scambio e confronto su temi di interesse comune: teatro, poesia, lingua e culture locali, letteratura, ecc., proposti con la partecipazione di professionisti ed esperti del settore (attori, docenti universitari, autori).

LA COMPAGNIA

CONSIGLIO DIRETTIVO
Presidente
CHIARA MUTTON
Vicepresidente
MARIA LUISA SEBER
Segretaria
MARGHERITA RE
Tesoriere
DANIELE POLETTO
Consiglieri
EUGENIO ARMELLIN
STEFANO ZANOLIN
TARCISIO CARLET

COLLEGIO DEI SINDACI
ISIDORO BUFFO
GIUSEPPE CAZORZI
LUIGI MUTTON

REGIA
FLAVIO ROVER
FILIPPO FACCA

COORDINAMENTO E PROMOZIONE
CHIARA MUTTON
CAST
Attori
PATRIZIA MODOLO
MARCO ROSSETTO
GINO SANTACATTERINA
BARBARA POLO FRIZ
CHIARA MUTTON
STEFANO ZANOLIN
STEFANO INDRIGO
CHIARA FILIPPI
RINO PEZZATO
DANIELE POLETTO
FEDERICA GASPAROTTO
STEFANO LOVISOTTO
LUCIA DI CRISTO
PAOLA TOMASELLA
MARGHERITA RE
DANIELA SANTAROSSA
CHRISTIAN MARIOTTI
NICOLA MARSURA

TECNICI
Luci e audio
TARCISIO CARLET
DANIELE INDRIGO
Scenografia
EDMONDO TRIVELLONE
DANIELE INDRIGO
MARGHERITA RE
Macchinisti
EUGENIO ARMELLIN
FRANCO PERUCH
GIULIA SARO
PAOLA TOMASELLA
CESARE GIUST
ALGA BETTINESCHI
Costumi
CLARA DITALI
© 2017 Piccolo Teatro Città di Sacile